• 1920x400_HHI_Qualität_Materialanalyse_01.jpg
  • 1920x400_HHI_Qualität_Materialanalyse_02.jpg

ANALISI DEL MATERIALE

 

I nostri strumenti di analisi dispongono di un supporto radio (fisso) e di una radiosonda (mobile) con un contro elettrodo. Tra questo elettrodo e il campione da analizzare viene prodotta una scarica elettrica mediante un generazione di eccitazione. In questo modo il materiale del campione da analizzare viene stimolato e portato allo stato gassoso. Gli atomi degli elementi presenti nel materiale vengono trasferiti in uno stato di energia superiore. Tornando allo stato normale, questi inviano luce di lunghezze d’onda tipiche dell’elemento.

 

ANALISI SPETTRALE

 

Questa luce arriva direttamente (fisso) o tramite fibre ottiche (mobile) nel settore di ingresso di uno spettrometro, dove si trova una fessura di ingresso molto piccola (20 µm), attraverso la quale la luce si infrange sulla superficie di un reticolo di diffrazione. Tale reticolo è una lastra di vetro concava, ricoperta di alluminio, dal diametro di 60 mm, incisa 3600 volte per ogni millimetro. Grazie all’elevato “numero di tagli” del reticolo, la luce incidente si infrange così fortemente da diffrangersi in singole lunghezze d’onda. Su un piano focale hanno origine linee spettrali. Queste linee sono raffigurazioni della luce incidente che penetra tramite la fessura d’ingresso. Tale fessura viene raffigurata ogni volta che la luce di diverse lunghezze d’onda si infrange passandovi attraverso. In questo modo si forma uno spettro a righe.